logo-tufani
Luciana Tufani Editrice
associazione culturale Leggere Donna

Ricerca nel sito

Visualizza articoli per tag: sorelle

Che cosa significa essere sorelle di grandi artisti? E se poi si possiede anche talento e creatività? Famose o sconosciute, pittrici, musiciste, scrittrici o casalinghe, illuminate dalla fama di chi sta loro accanto in famiglia o del tutto ignorate. Pazienti, amorose, ribelli, innamorate. Le storie che ci narrano rimandano ad un unico inestricabile nodo di ammirazione o inconfessata invidia. Sopravvivere, soccombere o affermarsi in piena autonomia? Tredici destini diversi all'ombra del genio.

 Tredici biografie di sorelle di personaggi famosi: famose anch'esse, talvolta, anche se quasi sempre meno dei rispettivi fratelli (o sorelle, in un caso, quello di Vanessa Bell e Virginia Woolf), oppure del tutto sconosciute; unite ai fratelli da un rapporto d'amicizia privilegiato che qualche volta giunge fino all'amore incestuoso. Alcune furono scrittrici - Bettina Brentano, Sarah Fielding, Christina Rossetti, Mary Lamb, Erika Mann - o avrebbero potuto esserlo, come Dorothy Wordsworth, Alice James o Cornelia Goethe, che si lasciò morire di malinconia; altre furono ottime musiciste, come Fanny Mendelssohn, o grandi pittrici come Vanessa Bell. Di loro, oltre al racconto della loro vita, vengono pubblicati brani delle opere o dei diari. Di qualcuna - Augusta Byron, Ulrike von Kleist e Grete Trakl - la voce non è stata tramandata; se esistevano diari, sono andati distrutti. L'immagine allora si compone attraverso gli occhi dei fratelli, specchio soggettivo che riflette solo quello che ha saputo vedere.

 

    

                                              Alcuni lieder di Fanny Mendelssohn


Pubblicato in Le Classiche
Mercoledì, 03 Giugno 2009 11:10

Figlie della casa

Traduzione e intervista all’autrice di Giorgia Sensi


"Antoinette era morta, ecco perché l'avevano sepolta in cantina. Si muoveva sotto il mucchio di sabbia. Teneva stretta la sua borsetta rossa, piena di brandelli di carne morta. Cercava di uscire, di stendere due sottovesti rosse al filo del bucato nel frutteto. Prima o poi avrebbe sfondato la porta della cantina e sarebbe saltata fuori di là su quei suoi piedi morti e sanguinanti." "Léonie stava aspettando l'arrivo di Thérèse. Era ansiosa di vederla, come un'amante. La mente le pullulava di coltelli, immaginava una lama tagliente argentea e seghettata. La punta scompariva nella carne tenera di Thérèse."

Una villa di campagna in Normandia, una casa che sembra vivere di vita propria, piena di segreti e di nascondigli, al limitare di un bosco, teatro notturno di insoliti avvenimenti. Due donne - "Una sposata e una no, una rotonda e una sottile, una sincera e una bugiarda, una che ha un posto nella società e una no. Non ha più nessuna importanza, la nostra differenza. Tutto è livellato. Come indossare l'abito. I corpi non si notano più. Libertà. Tutte sorelle sotto la pelle, tutte identiche." - si ritrovano e si confrontano dopo vent'anni di separazione. E' il passato che ritorna: segreti, bugie, ricordi, fantasie. Questi gli ingredienti di Daughters of the House, vincitore del W H Smith Literary Award, finalista del Booker Prize.
Pubblicato in Elledi
 
 

Associazione Culturale Leggere Donna - Luciana Tufani Editrice
Via Ticchioni 38/1 - 44122 Ferrara | tel/fax 0532/53186 - e-mail luciana.tufani@gmail.com